Viviallestero.com Club

Diventa socio di Viviallestero.com Club



Vivere all'estero

Intervista ad Ivan dalle Isole Fiji

Ciao Ivan, e' un piacere parlare con te che vivi in un paese cosi' lontano, in un paese incantevole.

La prima domanda e': Perche hai lasciato l’italia?

La storia e’ lunga ma in breve diciamo che non e’ stata una mia scelta, e’ stata una scelta dei miei, io mi sono aggregato. I miei avevano una ditta di articoli promozionali ed erano stanchi di lavorare senza pausa. Quando nel 94 iniziava la crisi decisero di trovare un posto dove trarsferirsi. Dopo aver visitato diversi paesi mia madre si innammoro’ delle Fiji ed iniziarono a vendere tutto in italia per prepararsi a partire.

 

Di che citta’ sei?

Della provincia di Milano, piu’ precisamente di Busnago.

Come ti sei organizzato quando sei partito dall’Italia? Conoscevi qualcuno? Come ti sei mosso appena arrivato?

A Fiji non si puo’ arrivare e cercare lavoro (a meno che uno non sia davvero fortunato). Uno straniero che vuole lavorare per una ditta gia’ avviata deve avere un permesso di lavoro che solitamente e’ pagato dalla ditta o dal lavoratore. Il costo di questo permesso varia dalla nazione di provenienza del lavoratore. Nel caso di Italiani costa circa 2000 Euro. Questo e’ una garanzia per il governo Fijiano il quale ha i soldi di rimandare il lavoratore nel paese d’ origine (pagandone il biglietto aereo) nel caso questi abbia problemi di mantenimento o abbia causato problemi sul posto di lavoro o debba essere deportato. QUI L’ IMMIGRAZIONE NON SCHERZA e faccio notare che il governo Fijiano non accetta lavoraroti esteri se questi si propongono di fare un lavoro che possa essere svolto da un locale.
Nel mio caso, i miei genitori volevano aprire un piccolo resort nelle Yasawa e, aprendo una loro ditta, sono stati in grado di pagare il mio permesso di lavoro.

Appena arrivati abbiamo dovuto presentare il progetto della compagnia all’ ente statale che si occupa di queste cose (FTIB). Fiji ha bisogno di investitori esteri, quindi il progetto deve essere di una certa qualita’. Una volta approvato, il governo Fijiano deve approvare i fondi (o l’investimento) e a questo punto (dipendentemente dal tipo di progetto) bisogna buttare le basi ed iniziare il business (naturalemente dopo aver ottenuto le licenze del caso).Solitamente dalla presentazione dell’idea ad iniziare a lavorare passano 1-2 anni, qundi potete capire che non sono stati anni molto tranquilli. Qui la burocrazia e’ MOLTO lenta e bisogna sempre cercare di sveltire le pratiche stando addosso ai vari uffici, facendo mille telefonate, aspettando documenti.. etc.
Nel nostro caso, il progetto del resort e’ caduto dopo che un ministro ci ha chiesto una mazzetta grande quanto il valore della terra che volevamo comprare (cosa che oggi non succede piu’), quindi mio padre decise di cambiare idea ed aprire una falegnameria/ingegneria ed un ristorante Italiano (che al tempo erano cosa rara). In pochi mesi siamo riusciti ad iniziare a lavorare. Sfortunatamente il ristorante dovette chiudere durante il colpo di stato del 2000 per mancanza di clienti (dovuta al coprifuoco serale che duro’ 6 mesi). La ditta invece funziona benissimo ed e’ una delle piu’ richieste del paese.

Perche' hai scelto le isole Fiji?

Come ho detto e’ stata mia madre ad essersi innammorata di questo paese. I perche’ sono molti ma tra le ragioni piu’ importanti c’e’ il fatto che qui fa’ sempre caldo, che il mare e la natura sono fantastici, che la gente e’ abbastanza amichevole, il crimine non e’ cosi’ violento come in Italia e a Fiji nessuno puo’ avere armi da fuoco (ad eccezione dei militari).

Quali secondo te sono gli aspetti positivi, nel settore lavorativo e nella tua vita privata, che qui trovi mentre in Italia no?

L’aspetto migliore del lavorare a Fiji e’ che qui si puo’ dire “lo faccio domani...”. Qui non esiste la fretta che c’e’ in Italia quindi tutti vivono con un ritmo di vita piu’ tranquillo. Le aspettative non sono cosi’ alte come in Italia (anche gli stipendi) e ci si adegua un po’ tutti.

Cio’ si estende anche alla vita privata. Qui il massimo e’ andare sulle isole delle Yasawa o Mamanuca a rilassarsi in spiaggia o passarei weekend al mare. Le serate sono calde ed il cielo e’ bellissimo. Io stesso non vedo l’ora che arrivi il weekend per stare a casa e godermi il giardino, i miei animali, il tempo libero con mia moglie o passare le sere a guardare le stelle... e, quando possibile, andare su qualche isola a fare il “turista”.

Cosa ti manca dell’Italia?

IL CIBO, i parenti, gli amici ed il Tex Willer!
2 anni fa’ abbiamo aperto un negozio che importa alcuni articoli alimentari e vini dall’ Italia ma non possiamo importare tutto e molte cose (come salumi o formaggi teneri) qui non si possono avere. Di conseguenza mi manca motissimo la pizza che ogni tanto mi sogno anche di notte.

Grazie mille Ivan, un grosso saluto dalla lontana Europa!

 

Ebook "Come ho affrontato il trasferimento all'estero"

https://www.EuAutoPezzi.IT

Blu Global Recruiting

admin@viviallestero.com Parlano di Noi - Viviallestero.com Chi Siamo - Viviallestero.com Trattamento Dati

Registrati per ricevere la nostra Newsletter

Acquista una SIM Card inglese dall'Italia

Le ultime offerte di lavoro per italiani all'estero

Interviste agli italiani all'estero Richiedi il tuo rimborso delle tasse

Eazy City

Trova gli hotel più economici

Guarda la mia intervista su Rai Italia

Guarda l'intervista di Stefano Piergiovanni su Rai Italia

Guarda la mia intervista su Rai2

Guarda l'intervista di Stefano Piergiovanni su Rai2

Guarda la mia intervista su SkyTg24

Guarda l'intervista di Stefano Piergiovanni su SkyTg24 Economia

Attività all'estero

Le migliori scuole di lingua all'estero Studia le lingue straniere online e gratis